Questa mattina ti sei svegliato con la splendida idea di fare il copywriter? Scrivere per la pubblicità non è una cosa facile e, oltre a richiedere una buona capacità di scrittura, e quindi una grammatica quantomeno accettabile, necessita di doti creative e una spiccata curiosità.

Su internet è pieno di siti che suggeriscono come trasformare la passione della scrittura in un lavoro, iniziando a produrre per un’agenzia pubblicitaria o diventando, fin da subito, un freelance, e quindi lavorare in autonomia. Il problema della maggior parte di questi è che suggeriscono come sia estremamente facile ottenere dei risultati che, in realtà, richiedono tanta fatica e impegno.

Perciò, questa volta non vogliamo dirti come imparare a scrivere pubblicità, campagne o quant’altro e farlo diventare, in poco tempo, un lavoro. Ma ci limiteremo, piuttosto, a dei consigli su come diventarlo senza porre limiti temporali.

Le regole per un buon copywriter

Sperando che questa introduzione non ti abbia scoraggiato, scrivere per la pubblicità può essere un mestiere realmente interessante, permettendo di sfoggiare le proprie capacità di scrittura e artistiche, creando dei testi che centinaia o migliaia di persone leggeranno.

Questa professione coincide, normalmente, con quella del “copywriter”, una persona che dedica il suo tempo a pensare alle giuste frasi che riuscirebbero a invogliare chiunque ad acquistare un certo prodotto, creando una comunicazione efficace con il cliente finale.

Per fare ciò, come dicevamo all’inizio, non basta saper scrivere in italiano corretto, ma bisogna essere in grado di saper interagire con il pubblico o, nello specifico, con il target di destinazione di una certa campagna, bisogna imparare a ragionare come il cliente, cercando di capire quali sono i suoi desideri e le sue necessità. Si pensi al vecchio spot della mozzarella Galbani, entrava davvero nel “cuore” degli italiani e li colpiva nel profondo.

Per apprendere certe cose non basta un giorno e serve tanta pratica, unita, talvolta, a un buon corso o anche più. Potresti iniziare a scrivere per la pubblicità presso delle agenzie, per poi proseguire la tua carriera in autonomia, diventando freelance. Anche se la strada sarà tortuosa, alla fine, se sarai stato bravo, potrai cogliere i frutti del tuo duro lavoro e trasformare, per davvero, una tua passione in un vero e proprio mestiere.